Business e affari in Croazia

Indicazioni per investire in Croazia

 

Investimenti stranieri in Croazia

In merito allo status legale degli investimenti stranieri in Croazia non c’è nessuna differenza tra investitori locali e stranieri. Quando investitori stranieri fondano o partecipano alla fondazione di una società in Croazia, essi guadagnano diritti e acquistano responsabilità allo stesso modo degli investitori locali, ed hanno lo stesso status. Tutto ciò che è permesso nelle relazioni tra gli investitori locali si applica anche quando chi investe è di nazionalità straniera.

Le aziende straniere in Croazia possono investire il capitale in una società, in una banca o in una compagnia di assicurazione, avviare l’attività come ditta individuale o artigiana, ed ottenere una concessione per sfruttare risorse naturali o altri beni di interesse.

Gli stranieri possono acquistare azioni e pacchetti azionari di società limitate pubbliche e private.

La Croazia da tempo ha capito l’importanza dell’attirare investitori stranieri, valorizzando il management, il know-how commerciale e il capitale che essi portano. Ecco perché gli investitori stranieri hanno diritto a garanzie addizionali, a cui gli investitori locali non hanno diritto. I diritti riconosciuti grazie all’investimento di capitale non verranno ridotti da nessuna legge o altra norma.

Incentivi per l’investimento
La legge croata per gli incentivi agli investimenti offre una grande varietà di vantaggi fiscali per investitori stranieri e locali. Gli incentivi sull’imposta sul reddito della società sono relativi all’investimento del capitale e dipendono dalla grandezza, dal numero degli impiegati e/o dal luogo del progetto di investimento. I benefici fiscali non possono essere maggiori della cifra investita. Gli incentivi non riguardanti le tasse prendono la forma di sovvenzioni o sussidi e sono concessi caso per caso, in seguito ad una domanda dettagliata.

Restrizioni settoriali
Gli investimenti in Croazia sono i benvenuti e vengono incoraggiati. Alcune aree di investimento sono però limitate e soggette a speciali condizioni, previa una procedura di approvazione da parte delle autorità competenti. Le eccezioni maggiori si trovano nelle aree di proprietà straniera dei beni immobili, in particolare foreste e terre agricole, così come le industrie connesse alla difesa ed alla sicurezza nazionale. Per il resto, la regolamentazione è relativamente semplice e in linea con i principi base sanciti dall’UE.
Permessi o licenze specifiche sono richiesti solo per certe attività, come banking, assicurazioni, brokeraggio di azioni e servizi finanziari simili.

Possesso di beni immobili
Negli scorsi anni l’aspetto più complicato dell’investimento straniero in Croazia era l’acquisto di terreni, con conseguente registrazione e sviluppo del sito. In generale, le entità e gli individui stranieri potevano acquistare proprietà solamente in seguito all’approvazione del Ministro degli Affari Esteri, basato sul parere del Ministero della Giustizia sulla base di accordi di reciprocità.

Queste restrizioni sul possesso straniero di proprietà potrebbero essere evitate, in maniera indiretta. Infatti le società registrate in Croazia sono considerate entità legali locali, e possono acquisire diritti di proprietà su beni immobili senza nessun divieto.

Il cambiamento più importante riguardo a tale questione è stato fatto grazie agli Emendamenti all’Atto di Proprietà ed Altri Diritti sui Beni, che sono entrati in vigore il primo febbraio del 2009 ed hanno messo sullo stesso piano persone fisiche e giuridiche provenienti dagli Stati membri dell’UE, e quelle Croate, nell’acquisto del diritto al possesso di beni immobili nella Repubblica di Croazia.

Rimpatrio dei profitti e del capitale
Non ci sono restrizioni imposte sul rimpatrio dei profitti o del capitale investito. Gli investitori stranieri possono trasferire all’estero i profitti guadagnati dal capitale investito in Croazia, il ricavato dalla vendita di azioni o delle quote di investimento, dopo aver redatto il bilancio, e possono trasferire il capitale causa disinvestimenti. Il profitto guadagnato da un contraente straniero impegnato in progetti con capitali in Croazia può essere anch’esso trasferito all’estero.

Ultimi articoli

Articoli più letti

Voli economici per la Croazia seleziona il tuo aeroporto di partenza dall'Italia o dall'estero e scegli tra decine di compagnie, tra cui Ryanair, Easyjet e tante altre e vola con prezzi super convenienti. Risparmia fino al 50%...